El Hierro: tutto quello che c’è da sapere

El Hierro è l’isola più piccola delle Canarie (dopo La Graciosa) ed è anche la più remota, selvaggia ed incontaminata.
Come le altre isole dell’arcipelago canario, anche El Hierro è di origine vulcanica e regala ai suoi visitatori paesaggi lunari di rara bellezza: nel 2000 è stata dichiarata Riserva della Biosfera UNESCO.

Isole Canarie El Hierro

Quando andare a El Hierro

I mesi migliori in assoluto per visitarla sono marzo e aprile, quando è tutta in fiore, ma è visitabile tutto l’anno grazie al suo clima subtropicale.

Come arrivare a El Hierro

Per raggiungere El Hierro dall’Italia è necessario fare scalo a Tenerife o a Gran Canaria e poi continuare con un volo interno. Oppure dal sud di Tenerife si può prendere un traghetto o partecipare a un’escursione in giornata.

Come muoversi a El Hierro

Per spostarsi a El Hierro è buona cosa noleggiare un auto, così da poter visitare tutte le bellezze che offre.
Le strade sono tenute bene, ma sono tutte curve!
Per il noleggio auto ti consiglio di utilizzare Discover Cars.

Dove soggiornare a El Hierro

La zona migliore in cui alloggiare è La Restinga, una cittadina nel sud dell’isola. Questa zona viene chiamata costa calma, perché è riparata dal vento e l’acqua dell’oceano è quasi sempre calma.

Un’alternativa particolare potrebbe essere quella di soggiornare presso l’Hotel Puntagrande (adults-only), sulla costa di El Golfo. Questo hotel è entrato nel Guinness dei primati per essere l’hotel più piccolo del mondo!

Cosa assaggiare

A El Hierro si producono vini davvero buoni, grazie al terreno vulcanico ricco di minerali. Tra le varietà assolutamente da assaggiare listan e verijadiego: potrai degustarli nelle varie bodegas dell’isola!

Cosa vedere a El Hierro

  1. Mirador de Isora e Mirador de las Playas, due punti panoramici che offrono viste mozzafiato.
    Si trovano nella zona rurale di Isora.

  2. La Restinga, nel sud dell’isola, è un piccolo villaggio di pescatori che si affaccia sul Mar de las Calmas. Un tratto di oceano protetto dai venti, dove l’acqua è abbastanza calda da permettere le immersioni più belle dell’arcipelago! Puoi prenotare direttamente da qui: immersione a la Restinga.
    Questa zona è infatti protetta da una riserva marina e si possono avvistare tanti pesci come razze, murene e cetacei.
    Prenota qui la tua attività di avvistamento di cetacei a La Restinga.

  3. El Julan si trova nel sud dell’isola e si affaccia sul Mar de las Calmas: si tratta di una zona selvaggia con magnifici panorami vulcanici.
    Qui si trova la Chiesa della Eremita de Nuestra Senora de los Reyes, una piccola chiesetta bianca risalente al ‘700 che custodisce l’immagine della Santa Patrona dell’isola.
    Dalla chiesetta inizia un trekking di 7 km che raggiunge El Sabinar, il ginepro piegato dal vento, simbolo dell’isola.

  4. Il Faro de Orchilla situato nel punto più meridionale di tutta la Spagna e d’Europa.
    Poco lontano da qui si trova il Meridiano Cero, considerato il Meridiano Zero prima di Greenwich.

  5. Le Piscine Naturali de La Maceta si trovano nella parte nord ovest dell’isola. Questa zona è occupata da una depressione vulcanica davvero scenografica chiamata El Golfo.

  6. . Il Mirador de la Pena, progettato da César Manrique, è un punto panoramico con un bar-ristorante ed offre delle viste mozzafiato su El Golfo.

Curiosità

  1. A El Hierro è presente un bosco incantato: il bosco di laurisilva!
    Si tratta di un tipo di foresta di lauri sempreverdi risalenti a milioni di anni fa e che raggiungono anche i 40 metri di altezza.
    Per gli amanti del trekking qui sono presenti tre sentieri di diverse lunghezze, facili e ben segnalati.

  2. Il suo cielo è talmente limpido da offrire condizioni eccezionali per l’osservazione delle stelle: prenota qui la tua osservazione delle stelle.

  3. L’isola ha da poco raggiunto l’autosufficienza energetica.

  4. Sull’isola è stata girata una serie TV chiamata El Hierro.

E ora che conosci un po’ di più questa splendida isola, scopri le bellezze di La Palma! 😉

Lascia un commento