Itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie: tappe e consigli

Le Isole Eolie si trovano a largo delle coste settentrionali della Sicilia, in provincia di Messina. Esse costituiscono un arcipelago di origine vulcanica di sette isole e cinque isolotti.
Nate dalla presenza attiva dei quattro elementi aria, acqua, terra e fuoco, le Isole Eolie sono un paradiso terrestre con acque cristalline, viste panoramiche mozzafiato, caratteristiche geofisiche affascinanti, vulcani attivi, numerosi trekking, reperti dell’antichità ed una cucina sensazionale, tanto da essere Patrimonio Unesco.
Queste isole erano già note nell’antichità e sono state al centro di numerosi miti greci. Esse infatti devono il loro nome a Eolo, signore dei venti, che secondo la mitologia aveva il suo regno proprio qui.
Sono molto affezionata a questo arcipelago vulcanico: per molti anni ho trascorso qui le mie vacanze estive, avendo i nonni in provincia di Messina. In quest’articolo ti propongo un itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie, ma prima voglio darti qualche consiglio.

itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie

Quando andare alle Isole Eolie

Per godere di un’esperienza autentica ti consiglio di visitare le Isole Eolie evitando luglio e agosto. Così oltre all’abbondante flusso di turisti che giungono qui da ogni angolo del mondo, eviterai anche temperature davvero molto elevate. I mesi migliori per andare alle Isole Eolie sono maggio, giugno, settembre e ottobre.

Come arrivare alle Isole Eolie

Puoi arrivare alle Isole Eolie solo via mare. L’aeroporto principale per raggiungere le Isole Eolie è quello di Catania: da qui poi recati a Milazzo e prendi l’aliscafo. In alternativa puoi optare per gli aeroporti di Palermo, Reggio Calabria o Napoli, ma sappi che il tempo di navigazione si allunga parecchio.

NOTA BENE: non è possibile imbarcare l’auto per le Isole Eolie.

itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie

Cosa mangiare alle Isole Eolie

Nell’arcipelago eoliano, come nel resto della Sicilia, si mangia davvero benissimo e ci sono tanti prodotti tipici locali che dovresti assaggiare durante il tuo itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie. Tra questi trovi gli involtini di pesce spada, aragoste, totani, insalata liparota (pomodori, pane casereccio spezzettato, capperi, olive, tonno naturale, cipolla rossa, patate), spaghetti alla stromboliana. Tutte pietanze che regalano sensazioni uniche grazie all’utilizzo di erbe aromatiche ed agrumi.

Come dolci invece ti consiglio di provare i sesamini (biscotti al sesamo), biscotti al miele e mandorle, gigi eoliani, granite, spicchiteddi di vino cotto.

Non mancare di assaggiare la Malvasia delle Lipari, un vino DOC dal colore ambrato, l’odore aromatico ed il sapore dolce, che nasce dai vigneti su terrazze a strapiombo sul mare. Ottimo per accompagnare ogni pasto ed è servito molto spesso anche con i dessert. Ci sarà un motivo se viene chiamato “il nettare degli dei” 😉

granite siciliane

Itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie

Qui di seguito ti propongo un itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie che potrai modificare a tuo piacimento in base ai tuoi gusti, alle tue esigenze ed alle condizioni meteo. Sarà un viaggio avventuroso ed indimenticabile tra vulcani attivi, acque cristalline, natura selvaggia e cibo squisito!

Giorno 1: Isola di Vulcano

La prima isola su cui ti consiglio di soggiornare, che poi è anche la più vicina a Milazzo, è l’isola di Vulcano.
I Greci nell’antichità inizialmente la chiamavano Therasia, che significa “Terra Calda” , e successivamente Hiera, poiché secondo la mitologia su quest’isola erano situate le fucine di Efesto, dio del fuoco. Gli antichi Romani poi ribattezzarono il dio Efesto con il nome di Vulcano, e così venne cambiato anche il nome dell’isola: da qui inoltre derivano i termini di vulcano e vulcanesimo!

Devi sapere che l’ultima eruzione è avvenuta tra il 1888 e il 1890, ma il vulcano non ha mai smesso di dare prova della sua vitalità. Ancora oggi infatti si osservano fumarole, getti di vapore sia sulla cresta che sottomarini, e la presenza di fanghi sulfurei dalle apprezzate proprietà terapeutiche.

Vulcano, nonostante le sue ridotte dimensioni, ha davvero tanto da offrire ai suoi visitatori, per questo motivo ti consiglio di noleggiare un motorino per l’intera giornata e girartela in lungo e in largo. Come prima tappa recati al Belvedere di Capo Grillo per una vista panoramica sull’intero arcipelago. Prosegui verso la località di Gelso, dove potrai fotografare un faro dell’Ottocento e visitare la prima chiesetta dell’isola. Concludi in bellezza ammirando un tramonto indimenticabile a Vulcanello, dove all’orizzonte potrai vedere il sole scomparire tra i faraglioni di Lipari.

Prima di andare a dormire controlla l’orario dell’alba e punta la sveglia almeno un’ora e mezza prima.

Trovi i migliori hotel a Vulcano a questo link.

Itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie

Giorno 2: Isola di Vulcano

Suona la sveglia: è tempo di alzarsi! Dopo aver indossato comode scarpe sportive e dopo aver preso il tuo zaino con dentro l’acqua da bere ed una torcia, sei pronto a partire per quella che sarà una delle esperienze più belle che potrai fare alle Isole Eolie. Oggi infatti scalerai il Gran Cratere di Vulcano per ammirare l’alba da lassù con una vista mozzafiato sull’intero arcipelago!

Mentre osservi la bellezza del cielo stellato, incamminati verso l’entrata della scalata al Gran Cratere e segui il percorso. Impiegherai circa 40 minuti per raggiungere la cima, il percorso è dapprima sabbioso per poi diventare scivoloso, quindi presta sempre attenzione a dove metti i piedi per evitare che tu ti faccia male rovinandoti la vacanza. Ma tranquillo, una volta arrivato in cima tutte le tue fatiche verranno ricompensate dal panorama che ammirerai. Osservare l’alba è sempre un’esperienza straordinaria, simbolo di rinascita, ma non ti capita tutti i giorni di trovarti sul cratere di un vulcano attivo circondato dalle fumarole e vedere il sole infuocato sbucare dal mare con una vista sull’intero arcipelago delle Isole Eolie.
Puoi leggere la mia esperienza cliccando qui.

Quando ti sentirai pronto torna giù e goditi il mare alla Spiaggia delle Acque Calde. Qui la temperatura dell’acqua è calda grazie alla presenza delle fumarole sotto il manto pietroso del mare e noterai tante bollicine emergere dall’acqua! Proprio accanto a questa spiaggia si trova una pozza calda di fanghi vulcanici, dove se vorrai potrai immergerti per godere degli effetti benefici che essi avranno sul tuo corpo.

Anche stasera non perderti un tramonto ammaliante: vai alla Spiaggia Sabbie Nere e goditi lo spettacolo del sole che si tuffa nel mare dipingendo tutto di rosso.

Se vuoi saperne di più su Vulcano clicca qui.

Itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie

Giorno 3: Lipari

In mattinata prendi l’aliscafo per Lipari, la più grande delle Isole Eolie, e visita l’Acropoli o “Castello di Lipari“, che sorge a 50 metri d’altezza, a strapiombo sul mare. Qui vedrai la cinta muraria del 1500, una torre normanna, tantissime chiesette e ritrovamenti archeologici risalenti al neolitico, alla prima età dei metalli, all’età del bronzo e all’età ellenistica. Le parti più interessanti dell’Acropoli di Lipari sono il Museo Archeologico Eoliano, il Parco archeologico e l’Anfiteatro.

Per il resto della giornata puoi scegliere se rilassarti in una delle tante idilliache spiaggette dell’isola, fare un giro in barca passando tra gli iconici faraglioni di Lipari, fare una degustazione di vino tipico in una cantina oppure proseguire alla scoperta delle attrazioni che l’isola offre. Se scegli l’ultima opzione allora segnati questi posti da vedere:

  • la seicentesca Chiesa di San Giuseppe a ridosso del mare;
  • la Chiesa delle Anime del Purgatorio;
  • le Terme di San Calogero, l’area termale più antica del Mediterraneo;
  • il Belvedere Quattrocchi, il punto panoramico più bello dell’isola;
  • l’Osservatorio geofisico con vista su Vulcano;
  • Ex Cave di Pomice;

Non perderti un tramonto mozzafiato dalla Chiesa della Madonna della Catena.

Trovi i migliori hotel a Lipari a questo link.

ex cave di pomice di Lipari

Giorno 4: Salina

Dopo una colazione tipica siciliana con granita e brioche con il tuppo, sali sull’aliscafo e scendi a Salina, la seconda isola più grande dell’arcipelago. Salina è anche l’isola più verde e ricca d’acqua delle Eolie e con le colline che scendono dolcemente verso il mare dai colori intensi ammalia chiunque la visiti.

Una volta arrivato recati a Malfa, un piccolo borgo con le casette bianche e la bella spiaggetta di Punta Scario.

Per un tramonto davvero romantico vai alla Spiaggia di Pollara, celebre per aver prestato la sua bellezza ad alcune scene del film “Il Postino” con l’attore Massimo Troisi, dove potrai fare il bagno o semplicemente rilassarti aspettando che il sole si tuffi all’orizzonte tra Alicudi e Filicudi.

Per concludere al meglio la giornata gustati una cena a base di pesce fresco e i famosi capperi di Salina e bevendo Malvasia delle Lipari, il vino tipico delle Eolie.

Trovi i migliori hotel a Salina a questo link.

Pollara

Giorno 5: Salina e Panarea

Inizia la giornata con un bel trekking alla Riserva Naturale Regionale Orientata Le Montagne delle Felci e dei Porri. Si tratta di un’area naturale istituita per proteggere il paesaggio e per continuare ad offrire alle numerose specie di uccelli un habitat ideale per la nidificazione. Salina infatti presenta una flora molto varia e ricca ed esistono ben 13 sentieri che portano alla sommità dei vulcani.

Se vuoi saperne di più su Salina clicca qui.

Dopo pranzo riparti in aliscafo per Panarea, l’sola più piccola ed antica dell’arcipelago. Qui potrai goderti il mare a Cala Junco e perderti tra i borghi di San Pietro, Ditella o Borgo Drautto.

Se vuoi saperne di più su Panarea puoi leggere il mio articolo cliccando qui.

A tua scelta puoi decidere se trascorrere la notte a Panarea o prendere l’aliscafo e dormire a Stromboli.

Trovi i migliori hotel a Panarea a questo link.

Trovi i migliori hotel a Stromboli a questo link.

Itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie

Giorno 6: Stromboli

Stromboli è senza dubbio l’isola più suggestiva dell’intero arcipelago: si tratta di un vulcano attivo che erutta ogni 15 minuti circa, regalando emozioni uniche. Essa inoltre ha dato il nome alla definizione di “attività stromboliana” utilizzata per definire fenomeni vulcanici simili in tutto il nostro pianeta.

Inizia la tua prima giornata a Stromboli lentamente, gustandoti una deliziosa granita di gelsi o al limone accompagnata dalla tipica brioche con il tuppo. Rilassati in spiaggia godendoti l’energia di questa terra e quest’acqua vulcanica dal potere rigenerante, perditi tra i fichi d’india e le casette bianche in stile eoliano nel borgo San Vincenzo e gusta la cucina locale.

Nel tardo pomeriggio, insieme ad una guida esperta, inizia la tua salita al Cratere di Stromboli per ammirare le eruzioni vulcaniche. Il cammino richiede minimo 3 ore ed è abbastanza faticoso: indossa un abbigliamento comodo con scarpe da trekking e porta con te una torcia. La compagnia di una guida esperta che conosca bene la montagna e il vulcano e che sia aggiornata sulle condizioni dell’attività eruttiva è fondamentale in quanto Stromboli è una montagna e presenta zone con notevoli difficoltà, soprattutto di notte.
Vedrai, sarà un’esperienza avventurosa ed indimenticabile!

Giorno 7: Stromboli

Anche oggi inizia la giornata con calma con una colazione tipica e relax in spiaggia. Nel tardo pomeriggio visita Ginostra, un piccolo borgo di pescatori considerato il porto più piccolo del mondo ed ammira uno dei tramonti più belli di questo viaggio. La sera partecipa ad un’escursione in barca per ammirare le eruzioni vulcaniche dal mare sotto un lenzuolo di stelle: sarà un’esperienza da sogno che porterai per sempre nel tuo cuore.

Se vuoi saperne di più su quest’isola unica al mondo puoi leggere il mio articolo cliccando qui.

eruzioni Stromboli

Giorno 8: Filicudi

Decidi a tuo piacimento quanto tempo dedicare ancora a Stromboli e poi riparti alla volta di una nuova isola: Filicudi.

Filicudi è tra le meno gettonate dell’arcipelago e questo è un bene in quanto troverai un ambiente naturale autentico e potrai goderti in tutta tranquillità i profumi e i paesaggi dell’isola. Qui potrai camminare lungo sentieri immersi nella natura selvaggia tra gli odori della macchia mediterranea, accompagnato solo dal suono del vento e delle onde del mare. Potrai fare un giro in barca o in canoa visitando baie nascoste e grotte marine e potrai nuotare nelle acque più cristalline dell’intero arcipelago, ideali per lo snorkeling. Potrai anche fare un viaggio indietro nel tempo visitando i resti di un villaggio neolitico a Capo Graziano. Infine visita il borgo di Pecorini e goditi un bel tramonto a Stimpaganto.

Trovi hotel a Filicudi a questo link.

Giorno 9: Alicudi

L’ultima isola che visiterai in questo tuo itinerario di 10 giorno alle Isole Eolie è Alicudi.
Alicudi è l’isola meno turistica in assoluto di tutto l’arcipelago: essa conserva infatti il suo fascino naturale autentico e selvaggio e ci si sposta esclusivamente a piedi o con i muli. Il tempo qui sembra essersi fermato e godrai di un’aria pulita, di un mare cristallino e di incredibili panorami incontaminati, ritrovando il contatto con la Natura. Entrerai in uno stato di puro relax, il modo migliore per concludere questo viaggio.

itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie

Giorno 10: Rientro

È tempo di salutare quest’isole dal fascino aspro e selvaggio e di ringraziarle per le emozioni provate qui. Il viaggio è giunto al termine ed è ora di far ritorno, con il cuore pieno di gioia e gli occhi colmi di bellezza.

Se quest’articolo con itinerario di 10 giorni alle Isole Eolie e consigli ti è stato utile continua a seguirmi per viaggi sempre nuovi!

Lascia un commento